Perché ho deciso di raccontare

“In un certo senso per me raccontare una storia è sempre una sorta di viaggio spirituale, dove però rimani te stesso, cresci, impari qualcosa e passi al livello successivo.” (Tim Burton)

Le storie sono ovunque, permeano il creato, il vissuto. Tutto è storia, c’è sempre qualcosa da raccontare ed è questo ciò che voglio fare.

Voglio essere un cantore di umanità, di piccole cose, di anime comuni. Voglio raccontare le vostre vite, la vostra unicità, perché ogni persona ha un’infinità di colori che dovrebbero essere narrati.

Quando ho capito di voler diventare fotoreporter ero mosso dall’impellente desiderio di mostrare il mondo attraverso gli occhi di un animo sensibile, il mio.

Ho scelto le immagini perché mi piacciono le sfide: riuscire a catturare l’attimo, l’immediatezza di un tempo che nasce e si consuma in pochi secondi.

Quando si narrano storie d’amore, a volte, si può avere la paura che siano tutte le stesse, io invece voglio dimostrare il contrario.

Dietro un amore c’è una vita e ognuna si fonda sulla singolarità, quando si uniscono più vite, poi, è un tripudio di contingenze che si mescolano indissolubilmente.

Qualche tempo fa mi è capitato di immergermi in una storia che mi ha ricordato perché amo il mio lavoro e perché raccontare è indispensabile.

Fine della cerimonia, un emozionante abbraccio tra il celebrante e lo sposo. Una stretta di mano rende partecipe anche la sposa. L’intensità di questo momento nasconde palesemente un significato molto più profondo. E’ un matrimonio come tutti, alcuni penseranno, e invece no. La storia di Alessia e Marco è speciale perché a sposarli non è stato un prete ma un diacono autorizzato.

Hanno scambiato i loro consensi davanti uno speciale ministro di Dio che non poteva vestire meglio i suoi panni. Dio è padre dell’umanità ma questi ragazzi sono stati uniti da un padre terreno, il padre dello sposo.

Questa è ciò che io chiamo bellezza, questa è una storia che racchiude al suo interno le storie di tante altre singolarità, per questo voglio raccontarvela.

Per farvi scoprire le bellezze del mondo e degli esseri umani, per farvi sognare o solo per tenervi compagnia.

Per dare voce a ciò che canta tutti i giorni ma in pochi sentono. Questa è la mia fotografia.

A.M.

Share