Inside Out #Wedding Edition

Pochi giorni fa mi sono imbattuta nella visione dello splendido film d’animazione Inside Out della Pixar Animation Studios che, per chi non lo conoscesse (no spoiler non preoccupatevi), impersonifica le emozioni che dimorano per tutto il corso della nostra vita dentro la nostra mente. Un sorprendente ritratto del quartier generale che gestisce il nostro conscio e inconscio.

Cinque le emozioni principali: gioia, tristezza, paura, disgusto, rabbia. Adesso proviamo a immaginarle in un’insolita wedding edition, cosa succede nella mente di chi deve sposarsi?

GIOIA:  Stiamo per sposarci. Pelle d’oca, un cuore come percussionista impazzito.  Aspetta datemi un pizzicotto, è proprio vero?  Mi tremano le gambe! Sarò la donna più felice del mondo, due cuori e una capanna. 

DISGUSTO: Oddio sposarsi???! Ma sei impazzita? Trovarti un uomo tutti i giorni in casa, e poi lavare, stirare, cucinare. Non avrai un attimo di tempo libero, e pensa a quando troverai il dentifricio spremuto a metà!! Rinchiudetemi, vi prego!

PAURA: Forse…forse hai ragione. Potrei non essere adatta e se poi lui si stanca di me? Piacerà mai ai miei parenti? Avrò tempo per le amiche? E…poi come si organizza un matrimonio? Datemi un sonnifero eterno, non voglio pensare!

GIOIA: Ma no ragazzi, andrà tutto bene! Potrai indossare il vestito dei tuoi sogni, creare un mondo che sia solo vostro e che rispecchi il vostro amore. Pensa poi che bello svegliarti la mattina tra le sue braccia, preparare una pizza per cena che diventa una lotta tra farina e coccole, avere sempre una spalla sulla quale riposare dopo una lunga giornata di lavoro….

RABBIA: Si ma adesso chi è che deve organizzare tutto? Chi deve far felici gli invitati? Io con mia suocera non ci parlo! Mia madre non fa altro che dirmi cosa devo fare! Il mio compagno sa soltanto dirmi “Amore scegli quello che ti piace”. Uccidete tutti, chiamate un wedding planner e forse, dopo mi sposo!

TRISTEZZA: Non ce la farò mai, è tutto inutile. Non sono fatta per essere una moglie. Non so scegliere, non so da dove iniziare e poi…magari tutto questo non servirà a niente. Deluderò tutti e soprattutto lui. Adesso scelgo un film drammatico e piango tutta la sera. E’ tutto così difficile!

Siamo uomini, siamo esseri vulnerabili. La nostra vita è fatta di conflitti, sfide da accettare, prove da superare. La cosa più bella che possiamo aspettarci dalla nostra esistenza è provare emozioni.

Quando decidiamo di sposarci, decidiamo di condividere tutta la nostra console emotiva con un altro essere umano che a sua volta, nella sostanza è proprio come noi. Non abbiate paura di ascoltare le vostre emozioni, forse la risposta a tutte le vostre domande risiede lì. Imparate ad ascoltare soprattutto quelle erroneamente definite “negative” perché sono le nostre maestre di vita.

Se vi trovate davanti una composizione di fiori ascoltate disgusto, se non volete che qualcuno organizzi il vostro matrimonio come voi non volete allora arrabbiatevi, se sentite che la vostra vita sta cambiando abbiate paura, se avreste voluto che qualcuno ci fosse ma non ci sarà godetevi 5 minuti di sana tristezza, ma in fondo siate felici perché se provate tutto questo vuol dire che state vivendo davvero!

Loretta

Share